E adesso…?

22 luglio 2018 Lascia un commento

Quanto è facile fasse grandi, profondi, belli.
Condividendo ‘n pensiero, dù frasi o ‘no scritto.

Come quello de non dovesse fà ‘n cruccio o ‘n dispetto.
E de vive così, leggeri, senza pensà a dover, un domani, affrontà manco ‘n imprevisto.

Che ‘n dindarolo che sona non può comprà del proprio pargolo, pè chi ce l’ha, ‘n sorriso.
Mentre er sole, la luna e le stelle so ‘no spettacolo gratuito si, ma comunque prezioso.

Belle parole, fanno riflette, fanno effetto.
Ma nun reggono botta quanno la sfiga decide de coje proprio er tuo de numeretto.

I guai veri, poi, só come gli schiaffoni.
Arrivano a due a due e te ritrovi improvvisamente stranito, a terra, carponi.

La cicala a quel punto se ritroverà disperata senza voce, dignità, ne versetti.
Mentre la fornichina farà spallucce e rialzandosi penserà che dovrà rinuncià, forse, solo a ‘n par de dorcetti.

Facile condivide ‘n pensiero, ‘n idea, quella che sembra quasi quasi ‘na grande astuzia.
Ma ‘a vita, quella vera, è ‘n palcoscenico dove te poi esibì, se voi, ma non te concede alibi ne reti di sicurezza.

‘E favole so belle, fanno sognare ad occhi aperti i grandi e addormentà sereni i bambini.
Eppur serve ben altro pè riuscì ad esse davvero felici, risolvere i problemi e rimanè uniti, vicini vicini.

MaSaCo

Annunci
Categorie:Senza categoria

Equilibrium

16 febbraio 2018 Lascia un commento

“…Sai, è come in una bilancia: si è due elementi di ugual peso ed importanza che si tengono in equilibrio con naturalezza.. sorridendo.. crescendo insieme.

 

E più son vicini, più sono affiatati e più risulterà facile mantenerlo..
Ma se uno dei due inizierà ad allontarsi emotivamente dal fulcro creerà un braccio di leva ed una forza che tenderà inesorabilmente a destabilizzare il tutto. Una forza che non potrà essere contrastata se non costringendolo l’altro ad allontanarsi a sua volta…
Cosa che però non vorrà fare: nessuno vorrebbe allontanarsi dal proprio fulcro, nessuno accetta di buon cuore di lasciarsi per tenersi.. è un ossimoro emotivo… è una follia.
…così le proverà tutte ma proprio tutte per rimanere vicino e contrastare quel peso, per non soccombere a quella forza, per proteggere quell’equilibrio ma l’unico effetto che questo comportamento avrà sarà quello di arrivare a corrodersi, ad annullarsi, a perdere qualsiasi peso e importanza, a non riuscire a spostare più l’ago della bilancia che continuerà, a quel punto, a precipitare inesorabilmente verso il basso fino ad arrivare a battuta..
…a quel punto l’equilibrio sarà perso.. per sempre.”
Categorie:MaSaCo

…e finalmente mi stacco da terra per sfiorare il blu..

2 aprile 2014 Lascia un commento

Il Motociclismo rimarrà sempre la mia prima passione, quella per la quale vivo… lo so, lo sento nell’anima… è qualcosa che fa parte di me indissolubilmente ma… ho sempre avuto una istintiva attrazione/passione per il volo la quale, con gli anni, mi ha portato ad avvertire la necessità di volare davvero…

Il volo a motore l’ho escluso da subito: troppo costoso da conseguire, troppo macchinoso e costoso da mantenere… da lì, il volo a vela è stata la mia ovvia scelta.

Aliante? No… per quanto mi affascini (vorrei farci un volo) non mi attira sia per i costi di acquisto che per la difficoltà di hangaraggio oltre a dover dipendere forzatamente da un traino che ti porti in quota…

Deltaplano? Affascinante, veloce, libero… ma mi servirebbe una macchina per trasportarlo e io non ho una macchina né ho intenzione di comprarla per praticare questo sport… inoltre è quasi impossibile atterrare da dove sei decollato quindi dipenderesti comunque da qualcuno che ti porti la macchina (e la custodia) in atterraggio… non mi farebbe sentire “libero” come vorrei nel praticare il volo…

Parapendio? Si… assolutamente si… Lo puoi tranquillamente trasportare in moto, ovviamente NON una sportiva: tutto il materiale ripiegato diventa uno zaino di circa 20 kg, non poco ma nulla di intrasportabile, anzi… basta sistemarselo bene in sella e non pretendere di correre il TT. Arrivato in decollo ti agganci la selletta, apri la vela, aspetti il momento giusto, gonfi l’ala al vento e decolli… nulla ti vieta (con l’esperienza e condizioni meteo) di rinterrare lì da dove sei decollato… a quel punto ripaghi il tutto e sali in sella per rientrare a casa…

Libertà… il parapendio mi regala la stessa sensazione di libertà che ho in sella alla mia moto, è semplicemente meraviglioso volare sostenuti solo dal vento.

Quindi, 5 mesi fa ho finalmente potuto permettermi economicamente il corso per conseguire il brevetto di volo a vela da diporto sportivo (VDS) e mi son messo di buona lena tra teoria e tanta, tanta pratica sul campetto dove al massimo riesci a fare una planatina di una 50ina di metri (in lunghezza)… ma ieri, dopo l’ennesimo campetto (con relative cazziate), il mio istruttore mi ha detto “Mario, domani fai il tandem, sei pronto per continuare il tuo percorso nei voli alti”…

…FINALMENTE!!!

Quini OGGI, dopo mesi e mesi di meticoloso campetto e di meteo maledettamente avverso, OGGI, ho fatto il mio primo volo alto (in tandem con l’istruttore) su Parapendio… Sensazione stupenda!

Decollati da Roccasecca con un bel vento teso mi ha stupito come siamo stati “accolti” e trasportati in alto (ma alto davvero: in men che non si dica saremo stati a 700m di quota rispetto all’atterraggio)… è stata una sensazione completamente nuova per me perché mi sono avvicinato a questo meraviglioso sport senza mai provare prima il classico “tandem turistico” e quindi non avevo mai sentito la vela tirarti su in quel modo…

Subito dopo il decollo l’istruttore ha fatto un paio di manovre di ambientamento (anzi… diciamo che mi ha fatto assaggiare qualche wingover e relativi G con la vela che ci passava da un fianco all’altro) e poi mi ha dato i comandi vigilando sul mio operato… virate morbide e un po’ meno morbide (ma niente virate a palla di fuoco, roba tranquilla), 45°, 180°, mantenimento della traiettoria, ho cominciato finalmente a “percepire la vela” e soprattutto “sentire i comandi”… Bellissimo!

Una vista meravigliosa a quell’altezza e sentire solo il vento tutto intorno… Mi sembra quasi di vivere la mia prima passione (il motociclismo) ma senza sentire il motore, stessa libertà… Che sport… Mi spiace non esser riuscito ad avvicinarmici prima..

Atterraggio morbidissimo e tanta voglia di ritornare subito lissù… perché è proprio vero che “Una volta che abbiate conosciuto il volo, camminerete sulla terra guardando il cielo, perché là siete stati e là desidererete tornare… Cit. Leonardo Da Vinci”

Roccasecca in attesa del decollo

Roccasecca in attesa del decollo

 

A breve, probabilmente già questo weekend, effettuerò il mio primo volo in solitaria e collegamento radio… io, la vela, il vento e null’altro… non vedo l’ora…

 

Roccasecca... volare...

Roccasecca… volare…

 

Flying Icy24…

Categorie:Parapendio

Destino… (Pensieri post maratona Roma/Ostia)

2 marzo 2014 Lascia un commento

Il destino… Quell’eterea, misteriosa figura x che prima ti lascia tagliare il traguardo e poi… con spiazzante semplicità si prende tutto quello che hai, tutto quello che sei… Improvvisamente…

Strana questa vita…

…e allora buon viaggio a te Maratoneta che mi sei sfilato davanti come una scia di colore, orgoglioso del tuo numero, della tua corsa e della tua determinazione tra gli applausi sinceri della gente per andare incontro al tuo destino appena pochi chilometri più avanti..

Mi piace pensare che quello stesso destino ha avuto rispetto di te, della tua corsa e della tua sfida concedendoti di arrivare fino in fondo senza interferire… Magari correndo al tuo fianco… Magari applaudendo insieme a tutti gli altri… E che solo dopo il traguardo ti abbia sussurrato all’orecchio “non fermarti… adesso corri con me…”…

Brividi, silenzio, rispetto…
Buon viaggio Fabrizio

Can you imagine what it is to cross an OCEAN? Hope…

11 febbraio 2014 Lascia un commento

“Can you imagine what it is to cross an OCEAN? For weeks to see nothing but the horizon … Perfect and empty… You live in the grip of fear: fear of storms, fear of sickness on board, fear of the IMMENSITY. So you must drive your fear down, deep into your belly, and study your charts, watch your compass, pray for a fair wind – and hope. Pure, naked, fragile … HOPE…

At first it’s no more than a haze on the horizon… So you watch… You watch… And it is not much than a shadow on the water for a day… For another day… The stain slowly spreads along the horizon taking form … Until , on the third day, you let yourself believe. You dare to whisper the word – LAND! Land… Life… Resurrection … The true adventure coming out to the vast unknow … out of the immensity… Into new life… That is THE NEW WORLD! ”

…maybe, that new world, for me, is just behind that horizon at the other side of the world… maybe…

Hope…

Categorie:MaSaCo

Il Tempo…

12 febbraio 2013 Lascia un commento

Il Tempo

Il tempo.. quel concetto astratto reso umanamente reale dietro al quale spesso ci si nasconde per giustificare le proprie paure, le proprie insicurezze e la poca voglia o forza di confrontarsi con quello che rappresenta un imprevisto in una vita oggettivamente imprevedibile ma che ci si continua ad illudere, ingenuamente, di poter render prevedibile..
 
Ed è proprio questa segreta consapevolezza quel che più spaventa..
 
Ma il tempo è anche una bugia che si racconta al mondo per poterci credere a nostra volta, per poter prender tempo, appunto, e rimandare ciò che diversamente andrebbe affrontato subito.
 
Senza tempo non esiste ieri e non esiste domani… non si può lasciare nulla alle spalle… non si può rimandare.
 
Nella sua universalità, il tempo, è il prodotto di un esigenza dell’uomo che cerca spasmodicamente di creare un casellario atto ad ordinare situazioni, sentimenti, persone ed emozioni… senza un ordine apparente l’uomo è perso e la storia lo insegna perché, senza tempo, non esisterebbe la storia stessa come oggi la conosciamo… senza un prima o un dopo siamo incapaci di quantificare l’adesso e orientarci… senza il tempo non possiamo nascondere sotto il tappeto del passato i nostri errori e far buon viso al futuro…
 
Ma il tempo, in realtà, è un’impalpabile menzogna, una prostituta invisibile che circuisce e ammalia… che sfiora languida l’orecchio con le sue labbra burrose e sussurra “Tranquillo… tranquillo… ci penso io a te… ai tuoi problemi.. alle tue sofferenze… ci penso io…” e ti accompagna per mano in un angolo buio dove ti puoi sedere, prendere le ginocchia tra le tue braccia, poggiare il tuo capo su di esse e nasconderti illudendoti che qualcosa che possa davvero fare la differenza accada mentre sei lì…
 
Se solo la gente capisse che è esclusivamente un prodotto della loro mente probabilmente capirebbe che non ha senso appellarsi ad esso… in natura non esiste o, meglio, non esiste come noi lo concepiamo… ma all’uomo serve, eccome se serve… perché il tempo è un ottimo alibi, probabilmente il migliore di tutti visto e considerato che consente di aspettare e rimandare, ad oltranza, quelle situazioni che diversamente richiederebbero subito la sua attenzione…
 
Grazie al tempo, ed al suo potere su di noi, ci si può permettere di mettersi comodamente a sedere e aspettare… attendere… non osare e non affrontare i problemi… sperare perfino che qualcun altro se ne prenda carico.. ci si può codardamente nasconder sotto le sue sottane quando dovremmo dire, fare, pensare, agire, e ascoltare il proprio cuore, il proprio istinto. E invece no… spesso si sceglie di chiudere gli occhi ammettendo apertamente che si è smarrito il controllo sulla propria vita…
 
Ecco quindi che, di nuovo, il tempo ci fornisce gli strumenti migliori per non vivere e attendere qualcosa che, in realtà, è il parto bastardo di una mente che non ha più nessuna egemonia su se stessa… è in balia del tempo… ed il tempo stesso ne scandisce la sua esistenza…
 
Avrei voglia di fare, di vedere, di parlare, di confrontarmi e di essere… ma il tempo concorda?
 
Quanti volte hai detto dei “ho voglia”, “vorrei”, “desidererei” che poi sono rimasti sono parole o pensieri succubi e vittime della mancanza del tempo imposto e trasformati in dei dolorosi e frustranti “no” autoinflitti? Perché?
 
Perché abbiamo in realtà una fottuta e maledetta paura di vivere ciò che ci renderebbe finalmente liberi dallo schema temporale che le nostre stesse debolezze ci impongono…
 
Perché abbiamo più paura di dover forzatamente vivere qualcosa talmente più grande di noi da farci sentire, paradossalmente, al sicuro in una “non vita” mentre contiamo i passi che la lancetta dei secondi percorre ad ogni respiro o sospiro…
 
Perché vivere… vivere davvero… non è mica una passeggiata: bisogna stare ritti sulla prua del proprio vascello e prendere in viso, in petto e direttamente sul cuore ogni refolo, brezza, raffica e scroscio di pioggia avendo la forza di non levare mai gli occhi dall’orizzonte senza mai perder di vista la rotta da percorrere o il porto da raggiungere per poter proseguire il proprio viaggio.. ed i porti saranno tanti quante saranno le esperienza che vorremo vivere, ognuno diverso, ognuno particolare e unico.. ognuno così intimamente nostro… anche se affollato da mille e più vascelli e velieri fiananco semplici scialuppe che si avvicenderanno affiancando, confortando, ostacolando e proteggendo sulla tua rotta…
 
Vivere è un viaggio, il viaggio migliore che ti capiterà mai di poter intraprendere… ma se una volta che la nave sarà pronta e le condizioni meteo favorevoli (o quasi) non troverai il coraggio di levare gli ormeggi ed uscire dal porto per immergerti in tutta la sua imprevedibile bellezza allora scendi a terra e cedi il comando.. perché questa vita che qualcuno non ha avuto la possibilità di vivere, dovrebbe essere un privilegio e non la meriti…
 
MaSaCo (’13)

Immagine

Categorie:MaSaCo

I miei orizzonti non hanno limiti…

3 agosto 2012 Lascia un commento

Seduto qui sopra osservo con rispettoso silenzio il volo dei pensieri della gente che corre e si affanna nel cercare di dare un senso alla loro follia… corrono… tutti corrono… ma nessuno ha davvero ben presente dove andare… da qui si vede bene… vagano… vagano come meduse nell’oceano.. e come meduse pungono con urticante cinismo e mortale cattiveria chiunque rallenti il loro arrogante incedere verso… chissà dove…

Se solo sapessero… se solo immaginassero… ma hanno troppa fretta per fermarsi… per dar retta al bimbo che, insistentemente, punta il dito verso il cielo… o che punta i piedi per fermarsi o quantomeno rallentare la mano del genitore per osservare uno scintillio, un riflesso…

Se solo ricordassero… che anche loro riuscivano a trovare un mondo intero in un riflesso o una intera vita descritta dalla mutevole forma di una nuvola allora forse… forse… si ricorderebbero di quanto fosse importante non porsi limiti e, soprattutto, non porne alla propria fantasia…

E sorridere… sorridere ogni volta che se ne abbia la possibilità… perchè un sorriso chiama sorriso e piano piano tutta le gente intorno a te ne viene contaggiata… e a quel punto le cose possono solo migliorare…

Ma bisogna crederci e ricominciare a sognare…

Categorie:Senza categoria